Triplo inganno


Pino Nicotri
TRIPLO INGANNO
978-88-7953-268-6 − pagg. 240 − € 17,00


Il Vaticano, gli apparati, i mass media e il caso Orlandi

 

Citando documenti giudiziari ignorati o dimenticati, e attraverso verifiche di luoghi e testimonianze, questo libro ricostruisce il divenire trentennale del caso Orlandi (la scomparsa della cittadina vaticana quindicenne Emanuela Orlandi, a Roma, il 22 giugno 1983), e denuncia il triplo inganno che ha impedito di accertare la verità dei fatti.
Il primo inganno è quello del “rapimento politico”, la fantasiosa tesi imposta a colpi di appelli da papa Karol Wojtyla impegnato nella lotta anticomunista nell’Est europeo. Il secondo inganno è quello delle autorità e degli apparati, vaticani e italiani, impegnati ad assecondare la messinscena del “rapimento politico” della Orlandi. Il terzo inganno è quello di stampa e tv, che non solo hanno assecondato la grande menzogna papale, ma hanno anche trasformato il caso Orlandi in uno show mediatico di supertestimoni fasulli, false rivelazioni e notizie inventate.

PINO NICOTRI, ex inviato del settimanale “L’Espresso”, è autore di numerosi libri inchiesta. Da molti anni si occupa del caso Orlandi, sul quale ha già pubblicato Mistero vaticano (Kaos edizioni 2002) e Emanuela Orlandi. La verità (Baldini Castoldi Dalai 2008). Opinionista del giornale online “Blitzquotidiano.it”, è titolare del blog pinonicotri.it.


Povero Cristo

 

 


Discepoli di verità
POVERO CRISTO
978-88-7953-200-6 − pagg. 196 − € 17,00

Potere, denaro, omofobia: Satana nella Chiesa di Benedetto XVI.

Il suicidio assistito di Giovanni Paolo II, e l’elezione pilotata di Benedetto XVI • Il portavoce papale dell’Opus Dei • Il benefico effetto dell’aids • Una udienza molto privata: l’odiatrice Oriana Fallaci • La “Istruzione” contro i seminaristi gay e la «identità virile» • Ritorno al passato: la messa in latino • La beatificazione del vescovo filo-hitleriano • Il guinzaglio ai francescani di Assisi • Benedetti soldi del banchiere Fiorani • Manuela, Loredana, Cristina e Carmela • Simonia pontificia: il copyright sulle parole del vicario di Cristo • Il doppio scandalo del fondatore dei Legionari di Cristo • L’arcivescovo politicante • Monsignor Georg Gänswein, anima nera e angelo custode • La scomunica di monsignor Stregone • Il paradiso immobiliare • Come annullare il matrimonio indissolubile • Il fine intellettuale, fiduciario papale • Il padreterno della non-eutanasia • Il terepeuta della Cristologia • I fantasmi del passato: il cardinale Hans Hermann Gröer e il seminario di Sankt Polten • I milioni di euro del prete-esorcista • La santa truffa di Raffaello Follieri • L’anima elastica dell’arcivescovo Danzi • Il nuovo comandante della Guardia svizzera denunciato da Amnesty International • Contro la moratoria Onu delle legislazioni antigay • Valori irrinunciabili: milioni di euro dallo Stato italiano • Il perdono degli antisemiti lefebvriani • Fanatismo sadico per Eluana Englaro…

 

Dossier padre Pio

 

 


Autori vari
DOSSIER PADRE PIO
978-88-7953-208-8 − pagg. 180 − € 17,00


La relazione del prefetto di Foggia (19 giugno 1919) • La relazione del medico Amico Bignami (26 luglio 1919) • Le tre relazioni di padre Agostino Gemelli (19 aprile e 2 luglio 1920, 6 aprile 1926) • Il dibattito alla Camera dei deputati sulla strage del 14 ottobre 1920 a San Giovanni Rotondo • Il rapporto del visitatore apostolico, monsignor Raffaello Rossi, con gli interrogatori di padre Pio (4 ottobre 1921) • Gli ammonimenti del Sant’Uffizio (31 maggio 1923 e 24 luglio 1924).
Padre Agostino Gemelli: «Padre Pio presenta le note caratteristiche di una deficienza mentale di grado notevole… La suggestione esercitata (su di lui) dal padre Benedetto ha finito per creare uno stato morboso che fra le sue manifestazioni ha avuto anche le stigmate… Padre Pio a poco a poco è stato vittima a causa della suggestione collettiva che si è andata creando intorno a lui».

Non credo

 

 


Giorgio Galli
NON CREDO
88-7953-167-0 − pagg. 158 − € 14,00


 

La Chiesa cattolica, mediante il Catechismo, pretende di insegnare la verità e di combattere il relativismo, ma ammette che tale verità è basata su un insondabile “mistero” di carattere “divino”. Il fatto che sia divino non attenua la misteriosità del mistero, e come il mistero possa diventare verità è un mistero ulteriore… Nessuno studioso biblico crede che “il libro” sia la parola di dio, e tutti ne contestano il contenuto dal punto di vista storico; Abramo e Mosè non sono mai esistiti…
«Da anziano neo-illuminista del XXI secolo quale sono», scrive Galli, «non posso certo propormi di dissuadere più di un miliardo di cattolici che trovano ragione di conforto nel Catechismo. Però ritengo doveroso oppormi alla pretesa di chi, in nome di un sistema di credenze senza basi logiche, vorrebbe imporre alla collettività tutta comportamenti, modi di vita, scelte politiche e sociali che non sono validi più di altri per il solo fatto di avere radici in antiche mitologie».

La croce e le spine di papa Francesco

 

 


Discepoli di verità
LA CROCE E LE SPINE DI PAPA FRANCESCO
978-88-7953-283-9 − pagg. 220 − € 16,00


La commedia della rivoluzione a colpi di nuove commissioni cardinalizie e di altri dicasteri curiali. Il nuovo prelato dello Ior e i «peccati di gioventù che il Signore perdona e dimentica». Il vescovo moralizzatore esiliato a Washington, l’Immacolata Francesca piovuta dal cielo, e «questo monsignore che non è certamente andato in galera perché assomigliava alla Beata Imelda». La spina dolorosa e velenosa dei lefebvriani, e il Cammino della setta di Kiko «troppo potente anche per papa Francesco». Il campionissimo della fede giornalistica a cui non piace il Papa che piace. La beatificazione dell’arcivescovo-martire Óscar Arnulfo Romero, e quella del francescano schiavista padre Junípero Serra. Il cardinale dimezzato per condotta sessuale «scesa al di sotto degli standard», e il diplomatico francese respinto perché gay. Il Nunzio pedofilo del clan wojtyliano, e lo show mediatico della tolleranza zero…

Papa Francesco: «Molte volte mi chiedo come sarà la mia croce, com’è la mia croce. Perché le croci esistono, non si vedono ma ci sono. E anche Gesù a un certo punto era molto popolare, e poi è finito com’è finito… Io sono un peccatore, e non è un modo di dire, un genere letterario: sono un peccatore. Posso dire che sono un po’ furbo, so muovermi, ma è vero che sono anche un po’ ingenuo…».

Dei “Discepoli di verità” la Kaos edizioni ha pubblicato, fra gli altri: Bugie di sangue in Vaticano (1999), All’ombra del Papa infermo (2000), Senza misericordia (2005), I triangoli rosa di Benedetto XVI (2005), Segreto pontificio (2007), Povero Cristo (2009), I peccati di papa Wojtyla (2010), Intrigo papale (2012), I peccati del Papa argentino (2013).