In difesa del comunismo

 

 


Giorgio Galli
IN DIFESA DEL COMUNISMO
ISBN 978-88-7953-324-9 − pagg. 166 − € 16,00


«Per quanti elementi di realtà possano contenere, le tesi “anticomuniste” di François Furet e Ernst Nolte forniscono una visione deformata di quanto è accaduto nel XX secolo. Esso non è stato il secolo che ha avuto per protagonista il comunismo e il suo progetto di guerra civile mondiale: lo è potuto sembrare, dopo il 1945. Non è stato neppure il secolo dominato dalla contrapposizione tra fascismo e comunismo, anche se lo è potuto sembrare fino alla seconda guerra mondiale… Questa difesa del comunismo non ha il solo significato di proporre una più corretta interpretazione storiografica, ma anche quello di guardare non solo il passato bensì anche il futuro… Attraverso la condanna di una “grande illusione”, quale certamente è stato il comunismo, si vorrebbe cancellare l’aspirazione millenaria a una società più libera, più egualitaria e più felice. E questa “difesa del comunismo” è anche la difesa di tale prospettiva».
In appendice, il testo integrale del Manifesto del partito comunista di Karl Marx e F. Engels.

 

Leggi la Premessa alla seconda edizione

Bella ciao. Pensieri e parole di Franca Rame

 


Francesca Lorenzetti [a cura di]
BELLA CIAO. Pensieri e parole di Franca Rame
ISBN 978-88-7953-325-6 − pagg. 286 − € 18,00


La vita di coppia e il teatro, la coscienza sociale e la condizione femminile, la satira e il civismo: quarant’anni e più di dichiarazioni, interviste e interventi pubblici di Franca Rame.

«Oramai l’8 marzo è diventata la festa dei fiori, invece è una ricorrenza tragica che richiede una riflessione molto seria. E pensare che sono così poche le donne che conoscono la storia di questa giornata e quindi della morte delle operaie nella fabbrica tessile… Comunque io dico sempre di non mandarmi mimose per l’8 marzo perché le butto dalla finestra».

«Nei primi anni Settanta formammo il collettivo teatrale La Comune. Facevamo un lavoro straordinario con le fabbriche, ma i rapporti umani all’interno della compagnia andavano peggiorando. Finì tutto molto male, fra antagonismi, invidie e meschinità…».

«C’è stato un momento della mia vita in cui non mi identificavo più nel mondo che mi circondava, e nemmeno in quello che facevo, per cui sono caduta in una depressione che è durata un anno e mezzo».

Leggi un’anteprima

Oh, Janis!

 


Betty Shapiro [a cura di]
Oh, Janis! Ardori, amori e dolori di Janis Joplin
978-88-7953-322-5 − pagg. 190 − € 17,00


 

La vita, breve e tempestosa, della regina del rockblues Janis Joplin (1943-1970), ricostruita attraverso un dettagliato ritratto biografico – Janis Joplin proibita di Mary Davies – e una antologia di interviste.
La difficile adolescenza in una cittadina texana bigotta e razzista, e il ribelliamo giovanile di metà anni Sessanta. La tossicodipendenza, il rock-blues e l’alcol. Il successo, il bisogno amoroso e la sfrenata bisessualità. La passione e gli eccessi, la rabbia e la solitudine, la dimensione artistica e l’epopea libertaria. Fino alle estreme conseguenze: la morte per overdose, il 4 ottobre 1970, in un albergo di Los Angeles, all’età di 27 anni.
Fra inquietudini e tensioni generazionali, Janis come donna ha incarnato i dettami della Controcultura anni Sessanta, e come artista ha scritto una delle pagine più intense della storiografia rock.
«Per tutta la vita ho desiderato solo di essere una beatnik. Fare tutte le esperienze più toste, strafarmi, scopare, divertirmi… Ecco tutto quello che ho sempre desiderato. Però sapevo di avere una bella voce e di poterei sempre ricavare con quella un paio di birre. Poi all’improvviso qualcuno mi ha scagliato in una rockband… Non ho più desiderato fare nient’altro – era meglio che stare con un uomo, con qualunque uomo. Forse il guaio è proprio questo».

Leggi interviste

Pink Floyd Songs

 


Davide Ratti [a cura di]
PINK FLOYD SONGS
978-88-7953-319-5 − pagg. 274 − € 18,00


 

Le origini e lo sviluppo artistico della leggendaria band inglese (formata da Sid Barrett, Roger Waters, Nick Mason, Richard Wright e David Gilmour), dagli anni Sessanta agli anni Novanta, attraverso una discografia che ha fatto la storia della musica pop contemporanea.
La genesi degli album pinkfloydiani, con l’analisi critica dei testi delle singole canzoni: The Piper at the Gates of Dawn (1967) • A Saucerful of Secrets (1968) • More (1969) • Ummagumma (1969) • Atom Heart Mother (1970) • Meddle (1971) • Obscured by Clouds (1972) • The Dark Side of the Moon (1973) • Wish You Were Here (1975) • Animals (1977) • The Wall (1979) • The Final Cut (1983) • A Momentary Lapse of Reason (1987).
«Tutto comincia nel 1966 al Marquee di Londra, locale diventato portabandiera della cultura underground londinese, dove ogni domenica pomeriggio vengono organizzati gli “spontaneous underground”, veri e propri happening senza temi né motivazioni, dove lo spettacolo lo fa il pubblico. Un pubblico eterogeneo e variopinto, vestito nei modi più strani, che si reca al Marquee non per ascoltare musica, ma per “viaggiare” al suono dalla giovane band Pink Floyd…».

Leggi la Cronologia